L’ULTIMA CENA

0

Gennaio 14, 2014 by redazione

Di: Pier Paolo Santi & Francesco Sinatti

inchiostro scomodo caveSTOCCAFISSO & AFFARI. E’ proprio la cronaca che ci da l’occasione di rivedere intorno ad un tavolo tutti i protagonisti dell’economia Apuana e del gotha del marmo. Si ritrovano in un noto locale di Carrara per mangiare un piatto di baccalà e parlare d’affari.  Sono tutti buongustai, non manca nessuno di quelli che contano.

Saracinesche abbassate, il locale è off – limit per l’occasione: è con queste cene che si sono cambiati gli assetti societari delle più importanti aziende del lapideo?

Di sicuro i personaggi che ritroviamo non sono casuali. Coincidenza vuole che attorno al tavolo il primo nome blasonato è quello di Enrico Bogazzi. Poteva mancare forse il suo commercialista di fiducia? No, ovviamente è presente anche Giulio Andreani. Quello che però attira ulteriormente l’attenzione sono i nomi di: Andrea Rossi (detto “il Fiorino”) e Alberto Franchi, gli stessi a cui Bogazzi ha ceduto le quote di partecipazione nelle cave di Carrara.

Un rafforzamento della lobby o una provvidenziale uscita di scena con incasso, prima che accada qualcosa? Chi e cosa ha consigliato all’armatore di farsi da parte? E gli incendi che hanno costellato l’Area ASI?

Il 2011 per l’ASI è stato un anno “terribile”, anzi diremo un anno di “fuoco”. Si comincia con l’incendio della SEI (la Società Elettrotecnica Italiana) in agosto, ovviamente di matrice dolosa. Ricordiamo però che a luglio, poco distante, va a fuoco Erre Erre (nell’articolo “sprechi organizzati” avevamo ipotizzato la matrice mafiosa, al contrario di quanto sosteneva la Procura di Massa), mentre a settembre vanno a fuoco un capannone di camion in area ASI. Considerando che ASI è strettamente collegata al settore del marmo non possiamo trascurare le incursioni sospette e i furti alla Progetto Carrara Spa, inserita nella “strada dei marmi” (la stessa dove http://www.inchiostroscomodo.com/?p=376  ).

MINACCE?  Intimidazioni rivolte ad ASI e quindi, indirettamente, a Bogazzi che ne è il principale azionista? Facciamo un passo indietro. Colpo di scena! Bogazzi decide in pieno 2009 di uscire dal settore del marmo. Non è dato sapere il perché. Sta di fatto che vende le proprie quote ad Andrea Rossi (“il Fiorino”) e Alberto Franchi. Ma chi sono? Gli stessi presenti alla cena dello “stoccaffisso”? Già, proprio loro.

Come riportano quotidiani locali:

“È sull’aspetto economico legato alle due operazioni che hanno ridisegnato gli assetti del mondo del lapideo (entrambe curate dal tributarista Giulio Andreani) ma non solo, che si sono concentrati gli articoli di riviste on-line come Newsfood.com e TopLegal.it. Ma qual è la cosa che è stata evidenziata dagli esperti di finanza? Che i prezzi di trasferimento delle azioni entrati in gioco per la Marmi Carrara e la Vennai sono risultati superiori a quattro volte il volume di affari delle stesse aziende. Un multiplo assolutamente elevato, considerando che – come sottolineano gli esperti – normalmente, quando si parla di passaggi azionari in altre aziende non si arriva neppure a superare di una volta il volume di affari. Per Marmi Carrara e Vennai si è sborsato invece il quadruplo del volume di affari prodotto dalle aziende. Le cave vendute a peso d’oro – Ottanta milioni di euro. Prezzi di trasferimento altissimi. Tutto questo per comprare le cave (o meglio buona parte) di marmo di Carrara”.

E ancora:

“Enrico Bogazzi che ha scelto deliberatamente di cedere il proprio pacchetto azionario a Franchi e Rossi, snobbando le avances di gruppi stranieri che si erano affacciati sull’uscio del colosso del lapideo nato dalle ceneri della Imeg. Quell’azienda, per intenderci che controlla quasi tutta la produzione di marmo che esce dalle cave apuane”.

Quante cose andrebbero dette su Sam – Imeg e le sue origini. In parte le abbiamo riportate, come la circostanza che il suo amministratore era cognato di Buscemi (noto Boss di Cosa Nostra).

Cosa Nostra aveva diversi investimenti in zona. All’inizio i riflettori vengono orientati sulla Sam-Imeg, acquistata dal gruppo Ferruzzi. Gruppo guidato da Raul Gardini, spregiudicato capitano d’industria suicidatosi allo scoppiare dello scandalo “mani pulite”. Gardini avrebbe fatto entrare nella Calcestruzzi (di Ravenna) la mafia. In un secondo momento la Calcestruzzi porta a termine consistenti affari tra cui l’acquisto de “La Sam” e “Imeg” che detenevano il 65% delle cave. L’omicidio dell’imprenditore Alessio Gozzani riporta in primo piano proprio le due società (9 aprile del 91). L’imprenditore aveva cercato in tutti i modi di ostacolare Girolamo Cimino presidente della Sam – Imeg, cognato niente meno che del boss di Cosa Nostra Antonino Buscemi.

Non è tuttavia da trascurare un possibile passaggio di testimone negli affari delle cave fra Cosa Nostra e Camorra, proprio in quel periodo. Potrebbe rivelarsi utile seguire la pista del clan Nuvoletta alleato con il famoso boss della Versilia, Carmelo Musumeci, affiliato ai catanesi. Il litorale ligure – toscano che va da La Spezia a Livorno, era costellato di alleanze fra le due organizzazioni che sfumavano l’una dentro l’altra. Non deve sorprendere, quindi, che molti affari precedentemente di Cosa Nostra siano passati di mano (quasi automaticamente) alla Camorra dopo il 94. In concomitanza con il fallimento della strategia della tensione di Totò Riina. Anche le cave rientrano in questi passaggi di consegne sul territorio? Sam – Imeg che aveva come presidente Girolamo Cimino del clan Buscetta, al famigerato passaggio di consegne, vede coinvolti uomini affiliati alla Camorra? La Camorra gestisce indirettamente alcune cave a Carrara? Quali? E i calabresi? Gli incendi nell’Area Asi sono un segnale di matrice criminosa? Qual è il messaggio? I Casalesi probabilmente sono autori di altri incendi contro attività commerciali della zona? E’ in atto un salto di qualità criminale?

Riproduzione Riservata


0 comments »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.