CONSIDERAZIONI di Intelligence part. 4

0

marzo 21, 2018 by Pierpaolo Santi

 

Di: Pier Paolo Santi

Alcuni punti che andremo ad analizzare nei prossimi articoli

  • “BLINDATI ARTIGIANALI”

La miglior contromisura finalizzata alla prevenzione di un atto terroristico E’ PENSARE COME LORO. E’ una procedura poco costosa, basta pensare a come fare danni con budget diversificati. In uno dei nostri prossimi articoli tratteremo di “blindati artigianali” per incursioni. Come sempre bisogna osservare il panorama internazionale e come spesso accade il mondo dei narcos insegna ai nostri criminali e ai terroristi.  E allora ecco il senso di un mio commento impostato su linkedin: “Organizzazioni terroriste di matrice jihadista hanno dimostrato di volere e saper utilizzare vere e proprie officine per modifiche di armi e mezzi. Officine presenti solo in Medioriente e non in Europa? Le officine sono logistiche per loro ma se scoperte (prima di un loro eventuale smantellamento) possono offrirci collegamenti investigativi a cascata. “

 

  • QUANTI IGOR?

Giustamente ORA si parla di Norbert Feher (Igor il russo) ma tralasciando l’aspetto mediatico: QUANTI IGOR IL RUSSO CI SONO IN EUROPA? Questo dovrebbe essere il vero dilemma investigativo.

“Secondo l’Unidad de drogas y crimen organizado, Norbert Feher era organico a un “gruppo criminale d’élite” che ha fatto entrare in Spagna diversi pericolosi terroristi islamici provenienti dal Nord Africa, per poi aiutarli a raggiungere Francia e Belgio” (dal Fatto Quotidiano)

QUESITO: Siamo entrati nel campo delle INTERCONNESSIONI? https://online.flippingbook.com/view/583386/

 

 

  • QUESITO DI INTELLIGENCE

In ambito di intelligence QUANDO bisogna consolidare o cambiare, QUANDO perdonare-usare e QUANDO fare una riga sopra a qualcosa (vale in linea generale per ogni paese)? Sempre in linea generale… quante righe vanno tracciate allo stato attuale degli scenari? È un quesito importante perché potrebbe rispondere alla fatidica domanda: E ORA? Questa è la fase più mutevole degli ultimi venti anni nel contesto geopolitico quella che determinerà i futuri trenta

 

  • UN PROBLEMA DA RISOLVERE

Recep Tayyip Erdogan è un problema da RISOLVERE, volutamente sottovalutato. Prima o poi bisognerà rispondere alla domanda: E ORA? La diplomazia, l’intelligence e le Forze Armate della Turchia assumeranno posizioni sempre più avventate? (gli eventi siriani anche di Afrin pare confermino questa linea). La sua è una concezione di espansione e influenza riconducibile alla mentalità ottomana per questo dovremmo (nonostante siano alleati NATO) attenzionare le iniziative del governo turco nel mondo (solo tener d’occhio in modo indiscreto)?

http://www.inchiostroscomodo.com/?p=2244

ANCORA… arriviamo al punto che ci interessa: OSSERVATE ATTENTAMENTE la foto di Erdogan mentre parla con lo sfondo della cartina della Palestina  … rappresenta bene l’attuale e il futuro fronte di una “partita di INTELLIGENCE”. Interessa l’EUROPA? ASSOLUTAMENTE e l’uomo nella foto potrebbe non essere (sotto traccia) un nostro alleato.

 

  • MAPPARE I LUPI GRIGI

IL SIMBOLO (dei cd Lupi Grigi turchi) è sempre più “SEGNALATO” in EUROPA. Uno dei nostri prossimi obiettivi sarà eseguire una dettagliata MAPPATURA del fenomeno PERCHE’…. in un contesto geopolitico come quello attuale E’ BENE FARLO

  • CONCLUDIAMO con un ragionamento valido a 360°: Conviene sapere quello che sanno o conoscere quello che non sanno? Si tratta di un ragionamento a mio avviso base per alcune dinamiche

 

Riproduzione Riservata

 

https://online.flippingbook.com/view/583386/

 

 


0 comments »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *